Eco e l'Anoressia



Il disperato amore di Eco per Narciso, nelle Metamorfosi di Ovidio, rappresenta la metafora del destino di molte giovani donne che soffrono di Anoressia Nervosa.

Le accomuna il bisogno di amore e di riconoscimento da parte dei loro genitori. Il mito è emblematico. Eco è una Oreide, una ninfa delle montagne. È molto abile nell'arte del dialogare, parla molto e per tale vocazione, Zeus la chiama chiedendole di distrarre Era, sua gelosa consorte, mentre si apparta a giacere le altre ninfe, tutte sorelle di Eco. Era accortasi dell'inganno, priva Eco della capacità di fare un discorso, e la condanna a ripetere solo l'ultima parola che riuscirà ad ascoltare.

Zeus, incarna la figura di un padre potente, che rifiuta Eco, preferendo le sua sorelle a lei, anzi la usa.

Era, che rappresenta simbolicamente la “Grande Madre”, giudica Eco, la rifiuta, la punisce e l'allontana.

Nel mito, Eco incarna l’esperienza del tradimento vissuto da qualunque giovane donna che non si sente vista né riconosciuta dalle figure genitoriali. Padri e madri che svalutano, tolgono la parola, inibiscono la facoltà di esprimere i pensieri.

Eco incontra poi Narciso e se ne innamora. Ma anche Narciso la rifiuta. E allora Eco, afflitta dalla vergogna, percepisce di non avere alcun valore. E si nasconde in una caverna, finche di “lei non rimase che la sola voce e le ossa divennero pietra”. Questa è la ragione per cui le montagne, oggi, ripetono l’ultima parola che sentono con la voce di Eco.

Anche Narciso, figlio di uno stupro, ha un padre (il dio del fiume Cefiso) e con una madre (la ninfa delle acque Liriope), che stanno nel fluire della loro vita e non se prendono cura.

La sorte dei protagonisti del mito, è vissuta oggi da molte giovani anoressiche che incarnano le figure di Eco e Narciso contemporaneamente. "L’Anoressia Nervosa" è la prima causa di morte tra le giovani dai 12 ai 25 anni (Società italiana per lo studio dei disturbi del comportamento alimentare).

Un dato che non dovrebbe essere trascurato da molti genitori.

I miti avevano già visto e previsto tutto. Basta volerli leggere.

Claudio K. Gallone

Analista Filosofo (Società Analisi Biografica a Orientamento Filosofico)

Dialoghi con l’Anima

https://www.claudiogallone.com



25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti